domenica 8 dicembre 2013

Beato l'Uomo


Quando Anna Maria Mazzini da Busto Arsizio  più nota come
MINA, la "Tigre di Cremona", cominciò a scrivere su "La Stampa" di Torino i suoi articoli di fondo, il sabato mattina divenne un appuntamento fisso tra Lei e me che iniziammo una corrispondenza di ideali andata avanti per diverso tempo.

Avevo delle solide motivazioni che andavano di gran lunga al di là del personaggio pubblico ammirato fin da bambino, da quando mia sorella Lisena portò la Sua miracolosa voce a espandersi di dentro le pareti domestiche per non abbandonarmi più.

Quando mi decisi a scriverle lo feci per impulso, per un irrefrenabile desiderio di dirle:



Cara Mina,

quello che scrivi ne "La Stampa" ha qualcosa di prodigioso, rassomiglia alla tua voce. Un miracolo.
Di recente ho letto qualcosa di particolarmente speciale che mi è piaciuto rivestire così.

Te lo restituisco, facendone tesoro, con rinnovata gratitudine.






beato l'uomo che fa del proprio limite la sua forza

beato l'uomo che non si ferma, che non si vuole arrendere

beato l'uomo che non ha paura di se stesso, della propria fisicità

beato l'uomo che sfida con amore il timore della terrena provvisorietà
caricata di ogni tipo di diversità

beato l'uomo che riesce a sorridere, comunque

beato l'uomo che ricorda di essere stato bambino

beato l'uomo totale

beato l'uomo





dedicato a 

MINA







post scriptum.: cantando La Canzone di Marinella, "truccò le carte" di Fabrizio De André che - con i proventi ricevuti per i diritti d'autore - si convinse ad abbandonare l'idea strampalata di un' improbabile carriera forense per regalarci delle "gocce di splendore" di rara lucentezza.

Anche per questo, cara Mina, ti siamo tutti debitori. Me per primo.










Nessun commento: